CAPOLAVORI ASSOLUTI A PALAZZO BARBERINI GRAZIE AD UNA COLLABORAZIONE TRA LE GALLERIE NAZIONALI DI ARTE ANTICA E LA GALLERIA BORGHESE

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica e Galleria Borghese mettono in campo un’inedita collaborazione per permettere al pubblico di continuare a fruire del patrimonio conservato al primo piano della Galleria Borghese anche durante l’ambizioso progetto di rinnovamento e tutela reso possibile grazie ai fondi del PNRR. Cinquanta opere verranno infatti trasferite nell’Ala Sud del piano nobile di Palazzo Barberini.

Questa iniziativa è un’occasione unica e imperdibile per mettere in dialogo due collezioni che condividono una storia simile, legata a due figure cruciali della vita politica e culturale romana del Seicento, Maffeo Barberini e Scipione Borghese, in un’ideale vicinanza storica e culturale, e non ultima, anche geografica. Sarà possibile visitare la mostra fino al 30 giugno.

Capolavori assoluti, quali:

  • il Ritratto d’uomo di Antonello da Messina,
  • la Madonna col Bambino di Giovanni Bellini,
  • la Madonna con Bambino,
  • san Giovannino e angeli di Sandro Botticelli,
  • la Dama con liocorno di Raffaello,
  • Susanna e i vecchioni di Peter Paul Rubens,
  • l’Amor Sacro Amor Profano di Tiziano,
  • la Predica del Battista di Paolo Veronese, solo per citarne alcuni, continueranno così ad essere fruibili al grande pubblico.
La Dama con liocorno di Raffaello

“Un evento del più alto valore istituzionale a testimonianza della vicinanza, non solo geografica, ma anche professionale che lega i due musei” ha dichiarato Thomas Clement Salomon, direttore delle Gallerie Nazionali di Arte Antica, che prosegue: ”Nel solco tracciato da Scipione Borghese e Maffeo Barberini, che oggi avrebbero gioito per questa iniziativa, speriamo che il pubblico possa ammirare i capolavori borghesiani a Palazzo Barberini e celebrare questa mostra difficilmente ripetibile nei prossimi decenni.” “Nello svolgimento di interventi importanti del PNRR che cambieranno l’aspetto della Pinacoteca al primo piano della palazzina, la Galleria Borghese, con uno sforzo eccezionale di tutto il suo personale, non chiuderà mai e durante i lavori rimarrà visitabile. La mostra a Palazzo Barberini consentirà di rendere sempre visibile il patrimonio della Galleria e di istituire rapporti e risonanze con un’altra eccezionale collezione barocca e con un’altra grande istituzione museale” afferma Francesca Cappelletti, Direttrice della Galleria Borghese.

La Predica del Battista di Paolo Veronese

Presso la Galleria Borghese, dopo il restauro delle facciate, i lavori del PNRR comporteranno la sostituzione delle tappezzerie e l’ammodernamento degli infissi nell’ottica dell’efficientamento energetico, l’ampliamento dell’accessibilità culturale, l’aggiornamento dei depositi e il restauro di alcune grandi tele. Il progetto, nella sua complessità, verrà illustrato come prologo alla mostra in Palazzo Barberini.

A Palazzo Barberini il temporaneo disallestimento delle sale dell’Ala Sud sarà occasione per un’approfondita campagna fotografica e di conservazione preventiva delle opere normalmente esposte in questi ambienti: dal Seicento napoletano alla collezione settecentesca, da Mattia Preti ai pittori del Grand Tour.

Commento di Cristina Rossello: Una collaborazione di due note realtà museali romane ci consentono di apprezzare opere di grandi maestri dell’arte antica e di comprendere come sia possibile valorizzare un patrimonio culturale anche con sinergie tra istituzioni . Questa condivisione rappresenta un nuovo modo di esporre l’arte con una curatela ancora più importante dove più direttori e conservatori museali possono mettere a disposizione e condividere maggiormente, in un progetto comune, le loro conoscenze e le diverse specializzazioni.

Amor Sacro Amor Profano di Tiziano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.