COLLEZIONISMO E GRAFICA PUBBLICITARIA: ARMANDO TESTA IL GENIO CREATIVO A CA’ PESARO

In contemporanea con la Biennale d’arte di Venezia, Ca’ Pesaro presenta il genio creativo piemontese Armando Testa che sarà al centro di una rassegna monografica che permetterà di scoprire e riscoprire aspetti inediti della sua produzione.

Dagli esordi torinesi presso la Scuola Tipografica Vigliardi Paravia e con l’insegnamento di Ezio D’Errico, l’esposizione mira a ricostruire il percorso artistico di un protagonista della cultura visiva contemporanea, creatore di celebri icone entrate da anni nel nostro immaginario collettivo.
I suoi capolavori sono figli di una pluralità di linguaggi espressivi, sperimentati nel corso della sua carriera più che trentennale, la cui modernità è oggi fonte di ispirazione per gli artisti contemporanei e che ha portato lo studioso di estetica Gillo Dorfles a definirlo “visualizzatore globale”.

Al primo concorso, vinto da Armando Testa a vent’anni per ICI (Industria Colori Inchiostri) nel 1937, si affianca la ricerca portata avanti nell’immediato dopoguerra per importanti aziende come Martini & Rossi, Carpano, Borsalino e Pirelli, da cui scaturiranno alcune delle sue più geniali e iconiche invenzioni. E ancora, le pubblicità, le campagne promozionali e i loghi per Lavazza, Sasso, Carpano, Simmenthal e Lines, tra gli altri, che hanno accompagnato diverse generazioni di spettatori, fruitori, artisti e creativi, si arricchiranno delle suggestioni di Testa per occasioni pubbliche nazionali, come le Olimpiadi di Roma del 1960, di cui realizzò il manifesto ufficiale vincendo un concorso segnato da articolate vicende.

Armando Testa : Digestivo Antonetto, 1960, Stampa litografica su carta montata su tela e telaio, 140,5 x 100,7 x 2,8 cm. Ca’ Pesaro- Galleria Internazionale d’Arte Moderna, donazione Gemma De Angelis Testa. Crediti Nino Chironna.

Gli anni Cinquanta e Sessanta videro la nascita delle immagini e delle animazioni per la televisione, con personaggi, suoni e gesti che sono rimasti nella storia della pubblicità e della cultura internazionale: dal digestivo Antonetto (1960) alla celebre sfera rossa sospesa sopra la mezza sfera del Punt e Mes, che in dialetto piemontese significa “un punto e mezzo” (1960); da Caballero e Carmencita per il caffè Paulista di Lavazza (1965) agli immaginifici abitanti del pianeta Papalla per i televisori Philco (1966); da Pippo, l’ippopotamo azzurro dei pannolini Lines (1966-1967), alle pubblicità per l’olio Sasso (1968) e per la birra Peroni (1968).

Armando Testa : Caballero & Carmencita, 1965, Gesso e tecnica mista, 25 x 11 x 11 cm. Ca’ Pesaro- Galleria Internazionale d’Arte Moderna, donazione Gemma De Angelis Testa. Crediti Fabio Mantegna.

Le ricerche intorno al tema del cibo, visto nelle sue declinazioni eclettiche e anche ironiche, si affiancheranno in mostra ad attività legate ai temi sociali e alla diffusione culturale nelle quali Armando Testa non mancò di impegnarsi, come le campagne per Amnesty International, per il referendum sul divorzio, per la povertà e la fame nel mondo, a citarne solo alcune.

Armando Testa : Punt e Mes Carpano, 1960, Stampa litografica su carta montata su tela, 198,5 x 137,2 cm. Ca’ Pesaro- Galleria Internazionale d’Arte Moderna, donazione Gemma De Angelis Testa

Parallela e contigua a queste produzioni corre la ricerca inesauribile di Armando Testa su alcune questioni sempre aperte: non solo la figura umana, le geometrie, i pieni e i vuoti, il positivo e il negativo, ma anche soggetti specifici come le mani e soprattutto le dita, primo organo di senso e di percezione del mondo, alfabeto con il quale interpretiamo il soggetto e lo spazio che ci circonda.
Significative interviste e contributi video porteranno i visitatori della Galleria Internazionale d’Arte Moderna dal 20 Aprile 2024 al 15 Settembre 2024 a rivedere un pezzo importante della propria storia e le giovani generazioni a scoprire un genio creativo del nostro passato recente.

Commento di Cristina Rossello: Le origini della pubblicità sono antichissime e strettamente connesse al progresso delle prime attività commerciali. Già nel ‘700 con la rivoluzione tipografica, Londra ebbe divenne centro europeo delle stampe per la finanza. In Italia, fu nel 1863 che venne creata la prima “agenzia” che lanciò il concetto della grafica pubblicitaria ma solo nel dopoguerra si acquisirono conoscenze tali che permisero ai primi grafici di vendere un prodotto che avesse una sua identità. La pubblicità entrò nelle case con la televisione ma accompagnò anche altre forme di promozione come nei menù dei ristoranti (vedi la ricerca e la valorizzazione della collezione R.F.O. dedicata ai Antichi Menù link). Fra i professionisti italiani che fecero la storia più moderna della grafica pubblicitaria ricordiamo per l’appunto Armando Testa e alle sue intuizioni di disegnatore e creatore.

Immagine di copertina:Armando Testa: Ritratto con Matita. Photo Gemma De Angelis Testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.