PATRIMONI: CON YVES SAINT LAURENT LA MODA DIVENTA “ORO”. UNA STORIA CHE CELEBRA L’EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Nel 60° anniversario della prima collezione Yves Saint Laurent così come il 5° anniversario dell’apertura del Musée Yves Saint Lorenzo Parigi si celebra GOLD di Yves Saint Laurent (fino al 9 maggio 2023) e anche l’occasione di conoscere il ruolo che l’oro ha svolto nel lavoro del couturier. GOLD di Yves Saint Laurent presenta l’oro attraverso una quarantina di abiti di haute couture e prêt-à-porter, accessori e oggetti selezionati, nonché vetrine piene di gioielli, oggetti essenziali alla silhouette di Yves Saint Laurent. Dai primi bottoni che adornano i suoi caban agli abiti che sembrano interamente realizzati in oro, nessuna collezione è sfuggita al tocco “dorato” del couturier. Così tanti materiali si sono prestati alla maestria di Saint Laurent nell’abbagliare splendore dell’oro: broccati, pizzi, lamé, paillettes, pelle, ricami attraverso tessuti, gioielli o profumi, scintillii d’oro.

Il carattere radioso di Yves Saint Laurent illumina questo viaggio crono-tematico attraverso un’abbagliante diversità di ornamenti, sontuosi tessuti e materiali pregiati. Dall’abito gioiello disegnato per la sua collezione autunno-inverno 1966 e fotografato da David Bailey, agli abiti di paillettes indossato da Zizi Jeanmaire e Catherine Deneuve, la mostra celebra l’emancipazione delle donne, mentre incanala il Gli anni del Palace Club e quell’era festiva. A complemento delle creazioni di Yves Saint Laurent, il museo ha invitato lo scultore belga Johan Creten ad esporre cinque opere che ci ricordano quanto l’oro ha sempre ispirato artisti.

L’ORO è presente nelle creazioni di Yves Saint Laurent fin dalla sua collezione haute couture primavera-estate 1962. Il primo insieme ad aprire la collezione presentava un caban in lana ispirato al guardaroba di un marinaio; è dorato i bottoni evocavano la corda intrecciata usata a bordo delle navi. I bottoni assunsero rapidamente il ruolo di veri e propri gioielli che si potevano trovare in tutto il mondo collezioni di couturier. Che siano lisci, rotondi, rigati o modellati con strass, in qualsiasi numero di forme e materiali, questi ornamenti hanno fornito accenti agli indumenti di dando loro un aspetto più nobile e più a suo agio. Potrebbero illuminare un ensemble i cui toni potrebbe altrimenti sembrare austero o fornire un tocco di stravaganza a completi e copricapo. La collezione haute couture autunno-inverno 1966, la decima disegnata sotto la guida del couturier nome, ha segnato la comparsa dell’oro nei cocktail e negli ensemble serali alla House of Yves Saint Laurent. Se utilizzato come colore unico o all’interno di una gamma di colori, evidenziato in oro le cuciture e i tessuti ravvivati ​​da tocchi abbaglianti. Per questo stesso spettacolo, in uno spirito di festa, Yves Saint Laurent si divertiva a vestire le sue modelle con abiti interamente ricamati di sfavillanti paillettes. I tocchi dorati che si trovano negli abiti da giorno fanno eco ai tessuti e ai ricami radiosi che si trovano nei suoi completi da sera, che attirano in un regno di fantasia.

L’ORO, percepito come segno di ricchezza, potere e prestigio, lo è stato spesso associato alle divinità del mondo antico e riservato al potente

Yves Saint Laurent ha rotto con l’immaginario collettivo rendendo popolare l’oro materiali per le donne. Per tutta la sua carriera, il couturier si è ispirato a questo sostanza preziosa e si è appropriato del suo simbolismo per dipingere un ritratto “maestoso” del donna moderna, che, indossando le sue creazioni eleganti e contemporanee, troverebbe lei stessa investita di un’aura di potere e di una sorta di “sovranità”. Era orgogliosa e a proprio agio con se stessa. Più che fornire un effetto estetico, l’oro aveva diventare un manifesto del potere femminile. La brillantezza dell’oro, se associata agli aspetti scultorei del nero, la ricchezza di certi tessuti, le raffinate tecniche di bottega e persino quelle apparentemente architettoniche taglio di certe creazioni, evoca l’universo barocco dei secoli XVII e XVIII e il suo grandi manifestazioni come la Sala degli Specchi a Versailles. Al tempo stesso monumentale, dinamico e ostentato, questo movimento artistico ha fornito l’ambiente ideale per il messa in scena del potere ed esaltazione della competenza francese. “[…] Le mie fantasie e la mia stessa fertile immaginazione mi ha portato […] al Barocco”, ha detto Yves Saint Laurent.

Alla maniera di Luigi XIV, il Re Sole, il couturier abbracciò questo luccichio stile per esaltare il corpo femminile e affermarne la potenza solare

Dopo tutto, cosa fa l’oro evocare per noi se non sole, luce, calore e, per estensione, gioia, energia e vita? Intriso di maestosità e vitalità, il guardaroba Saint Laurent affermava il potere di donne, immutabili e senza tempo come il metallo prezioso che le adorna.

A partire dalla fine degli anni ’60, Parigi ha visto l’emergere di locali alla moda che hanno rivoluzionato la città vita notturna

In questi nuovi templi dell’edonismo, sembrava che tutto fosse permesso e ognuno era libero di esprimersi come meglio credeva. Il dress code era glamour-chic, ma audace e stravagante. Per l’inaugurazione del mitico Palazzo, il 1° marzo 1978, il il biglietto d’invito chiariva: “Smoking, abito da sera o qualsiasi cosa si adatti all’occasione”. Yves Saint Laurent era un frequentatore abituale di questi locali notturni parigini e trascorreva molte serate esilaranti con gli amici a Chez Régine, Le Sept o Le Privilège. Nel 1967, presso Chez Régine, ha incontrato Betty Catroux, che ha subito considerato il suo doppio femminile, la sua gemella e il suo complice quando esplora Parigi di notte. Sono diventati inseparabili, e insieme hanno esplorato tutto ciò che questi club avevano da offrire. Quell’atmosfera festosa era una delle fonti di ispirazione del couturier, e l’oro, con la sua aura lucente e appariscente, aveva naturalmente il suo ruolo da svolgere. Yves Saint Laurent lo usava offrire alle donne un guardaroba radioso, colorato e sensuale. L’oro, dal suo utilizzo come semplice dettaglio al total look, sia attraverso un gioco di materiali (come lamé, pelle e broccato) sia dalla tecnica utilizzata (tessuti intrecciati, ricami o trapuntature) o combinandola con altri colori, ha spinto la femminilità alla sua massima espressione. 

Quando Yves Saint Laurent disegnava abiti, aveva sempre i loro associati gioielli in mente

Raramente li abbozzava, eppure ne aveva uno molto preciso visione dell’aspetto generale dell’insieme. Per trascrivere ciò che aveva immaginato, il couturier si affidava ad artigiani come l’orafo Robert Goossens o i gioiellieri designer Ruggero Scemama. A partire dal 1972, Yves Saint Laurent trova un suo complice-interprete gusto stravagante nella persona di Loulou de La Falaise. Ha lavorato al suo fianco fino al casa di moda chiusa nel 2002. Ha detto che “gli accessori sono un altro modo di vestirsi Saint Laurent”, e considerata bigiotteria – conosciuta come bijoux fantaisies in francese – accessori essenziali e vistosi, che darebbero accenti dorati a una silhouette e dare alla linea di un capo il necessario splendore in ogni circostanza. A mostrarli in aggregato, Anna Klossowski, figlia di Loulou de La Falaise e figlioccia di Yves Saint Laurent, rende qui omaggio agli accessori. Una vetrina li mostra cronologicamente, mentre l’altro li presenta cromaticamente, poiché il couturier spesso associava l’oro ad altri colori e materiali come il corallo o il quarzo. Questi combinazioni audaci manifestano l’immaginazione e la fantasia che guidano Loulou de La Falaise e il couturier. Su uno sfondo che ricorda le trame di tessuti dorati e dai colori accesi, Anna Klossowski dà vita a una sorta di dialogo tra orecchini, collane, bracciali, anelli e una cintura, e ci ricorda che per YSL esistono solo gioielli se visto contro i vestiti.

Yves Saint Laurent disegnava abiti, aveva sempre i loro associati gioielli in mente

Raramente li abbozzava, eppure ne aveva uno molto preciso visione dell’aspetto generale dell’insieme. Per trascrivere ciò che aveva immaginato, il couturier si affidava ad artigiani come l’orafo Robert Goossens o i gioiellieri designer Ruggero Scemama. A partire dal 1972, Yves Saint Laurent trova un suo complice-interprete gusto stravagante nella persona di Loulou de La Falaise. Ha lavorato al suo fianco fino al casa di moda chiusa nel 2002. Ha detto che “gli accessori sono un altro modo di vestirsi Saint Laurent”, e considerata bigiotteria – conosciuta come bijoux fantaisies in francese – accessori essenziali e vistosi, che darebbero accenti dorati a una silhouette e osare alla linea di un capo il necessario splendore in ogni circostanza. A mostrarli in aggregato, Anna Klossowski, figlia di Loulou de La Falaise e figlia di Yves Saint Laurent, rende qui omaggio agli accessori. Una vetrina li mostra cronologicamente, mentre l’altro li presenta cromaticamente, poiché il couturier spesso associava l’oro ad altri colori e materiali come il corallo o il quarzo. Questi combinazioni audaci manifestano l’immaginazione e la fantasia che guidano Loulou de La Falaise e il sarto. Su uno sfondo che ricorda le trame di tessuti dorati e dai colori accesi, Anna Klossowski dà vita a una sorta di dialogo tra orecchini, collane, bracciali, anelli e una cintura, e ci ricorda che per YSL esistono solo gioielli se visto contro i vestiti.

Commento di Cristina Rossello: Vere opere  d’arte, pezzi rari e oggetti d’oro si incontrano qui tanto quanto farebbero in un gabinetto delle curiosità. Ma più che aurum, è la loro aura che dà valore a questi oggetti. Yves Saint Laurent, come esteta e amante dell’arte, sapeva unire inezie senza valore a dipinti antichi. Ecco che la Moda diventa “Patrimonio” inestimabile. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.