MCM E LOUVRE IMPEGNATI NELLA RISTRUTTURAZIONE E RIABILITAZIONE DEL MUSEO DI MOSUL: LUOGO DI CULTURA INTERNAZIONALE

La mostra si tiene nell’ex Royal Hall riabilitata, che per prima ospitò le collezioni del museo al momento della sua creazione nel 1952. Aperta al pubblico dal 12 maggio al 1 giugno 2023, la mostra sarà successivamente adattata per l’esposizione lungo i cancelli del giardino del museo, assumendo la forma di pannelli espositivi trilingue (arabo, inglese e francese). 

L’avvio di questa fase di restauro segna anche l’apertura della mostra The Mosul Cultural Museum: From Destruction to Rehabilitation. I piani di restauro per il Mosul Cultural Museum (MCM) iracheno e la sua collezione illustrano la sua importanza nella storia dell’architettura e del mondo, ponendo il museo al centro della rigenerazione culturale e comunitaria di Mosul. Il museo, il secondo più grande in Iraq dopo il Museo Nazionale di Baghdad, è stato istituito nel 1952 per raccontare la storia del nord dell’Iraq – una storia di importanza globale che racchiude l’inizio della storia scritta – in gallerie dedicate alla preistoria, all’Assiria, all’Hatra , e l’Islam.

Dopo la cattura di Mosul da parte di Daesh nel 2014, manufatti di importanza mondiale sono stati saccheggiati e distrutti e il Museo culturale di Mosul, progettato dal principale architetto modernista iracheno, Mohamed Makiya, all’apice della sua carriera, è stato compromesso in un attacco deliberato volto alla cancellazione di storia e cultura. Le principali opere monumentali assire che furono danneggiate o distrutte durante l’attacco di Daesh includono un colossale leone di Nimrud, due figure di lamassu (guardiani), la significativa stele del banchetto e la base del trono del re Ashurnasirpal II. Furono bruciati oltre 28.000 libri e manoscritti rari. Dal 2018, il museo viene gradualmente riportato in vita attraverso un consorzio internazionale unico guidato dall’Iraqi State Board of Antiquities and Heritage (SBAH), in collaborazione con il Musée du Louvre, lo Smithsonian Institution, e sostenuto e finanziato dall’International alleanza per la protezione del patrimonio nelle aree di conflitto (ALIPH). I partner hanno stabilizzato l’edificio, avviato il restauro delle sue collezioni, oltre a formare e dotare il team del Museo Culturale di Mosul degli strumenti necessari per la riabilitazione su vasta scala del sito.

Il World Monuments Fund (WMF) è entrato a far parte del consorzio nel 2020 per definire il programma di restauro e riabilitazione dell’edificio museale e dei suoi dintorni.

Una volta completati i lavori di restauro, l’obiettivo è che il museo riprenda la sua posizione di punto di riferimento culturale per i cittadini di Mosul e, più in generale, di centro culturale della regione, con uno spazio polivalente per lo scambio sociale, il dialogo, la memoria , e l’apprendimento. A tal fine, il rinnovamento urbano, la sostenibilità e lo scambio di conoscenze sono caratteristiche chiave del progetto. Il World Monuments Fund sta supervisionando il progetto di conservazione architettonica con particolare attenzione al rinnovamento urbano, all’impegno della comunità e alla sostenibilità nel restauro, sicurezza e manutenzione dei musei, mentre il lavoro dello Smithsonian Institution si concentra sul rafforzamento della capacità nella gestione dei musei e sull’esperienza dei visitatori.

Il Musée du Louvre sta lavorando con lo staff MCM per conservare e ricostruire tre importanti sculture in pietra (la stele del banchetto, la base del trono e il leone di Nimrud) e frammenti di placche metalliche recuperate dal sito di Balawat, in modo che possano essere esposte una volta Ancora. Gli oggetti in mostra includeranno molti salvati dalla distruzione quando furono trasferiti al Museo dell’Iraq, Baghdad, prima dell’inizio della guerra in Iraq nel 2003. Inoltre, gli spazi della galleria esporranno manufatti provenienti dagli scavi archeologici in corso. Per ALIPH, questo progetto rappresenta il più grande e ambizioso fino ad oggi, supportando lo sviluppo del lavoro fin dall’inizio e finanziando e accompagnando tutti i partner in ogni fase. Nel corso del progetto, il team continuerà a confrontarsi con architetti e ingegneri SBAH e altri professionisti locali nell’implementazione dei lavori e nel futuro monitoraggio e manutenzione dell’edificio del museo e delle sue attrezzature tecniche. Il riaperto Museo Culturale di Mosul, denominato “l’identità di Mosul” dalla gente del posto, diventerà nuovamente un centro di cultura e istruzione non solo per i muslawiani, ma anche per gli iracheni e i visitatori internazionali.

In concomitanza con l’annuncio di oggi, la mostra The Mosul Cultural Museum: From Destruction to Rehabilitation apre nella vicina ex sede del museo, la Royal Hall, ed è visitabile fino al 1 giugno. La mostra considera le origini di questa importante istituzione irachena e presenta la visione per il suo futuro attraverso fotografie, video e modelli 3D inediti. Riunirà la comunità locale attorno al museo, chiuso da quasi 20 anni. Per la prima volta dalla liberazione della città, gli abitanti di Mosul potranno vedere la documentazione storica del museo e gli sforzi messi in atto per riabilitarlo. Curata dal direttore del Museo Culturale di Mosul, Zaid Ghazi Saadallah, in collaborazione con il Musée du Louvre, Francia, e finanziata da ALIPH, segue un ampio progetto di ricerca attingendo alla collezione, alla documentazione, ai testi, alle immagini e agli archivi. La mostra ripercorre le origini di questa istituzione e ciò che le sue collezioni, che comprendono una serie di importanti reperti storici e notevoli capolavori, illustrano il nord dell’Iraq. La maggior parte di queste opere è purtroppo scomparsa dal museo oggi a seguito di ingenti saccheggi. I pezzi più grandi, in gran parte risalenti all’era neo-assira, sono stati ridotti a innumerevoli frammenti. Questa mostra ripercorre la ricca storia della Mesopotamia settentrionale, dai suoi primi villaggi fino all’ascesa della città di Mosul. Racchiudendo le rovine di Ninive, che un tempo era la capitale dell’impero assiro, Mosul si espanse dal Medioevo in poi, superando infine entrambe le sponde del Tigri e diventando la città che è oggi. La mostra è un omaggio a tutti coloro che hanno aiutato questa collezione a sopravvivere e che continuano a lavorare per aiutare il museo a riemergere dalle ceneri.

Commento di Cristina Rossello: La cultura va sempre salvaguardata, comunque e indipendentemente da fattori etnici o religiosi. La sua conservazione nel tempo rappresenta la salvaguardia della storia di un Paese. Questo esempio di riabilitazione non è solo la ricostruzione di un luogo di cultura ma amplifica il ruolo centrale nella ricostruzione della comunità a beneficio di tutto il mondo.

Il link alla mostra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.